Malattie dei capelli











Lente





Lente





Lente





Lente
Gli esami
da fare


Pull test

Tricogramma

Dermatoscopia cuoio capelluto

Fotografia globale







Pull test
I capelli vengono leggermente tirati con le dita. Permette di stabilire se vi è una aumentata caduta e se le radici (i bulbi piliferi) sono in riposo (fase telogen) o malate (distrofiche).




Tricogramma
Un ciuffo di capelli viene “strappato” con una apposita pinza. Permette di valutare al microscopio le variazioni di diametro del capello, l’entità della caduta e l’eventuale sofferenza delle radici.


Videomicroscopia
Si esamina il cuoio capelluto con un dermatoscopio (uno strumento tipo telecamera che ingrandisce e permette di esaminare con precisione la morfologia della superficie cutanea, utilizzato anche per esaminare i nei) collegato ad un computer. Questo esame è utilissimo per la diagnosi differenziale delle diverse malattie dei capelli e del cuoio capelluto.


Fotografia globale
Viene effettuato uno scatto fotografico della testa con macchina polaroid, reflex, digitale o direttamente con telecamera collegata al computer. E’ indispensabile per valutare l’efficacia di un trattamento nel tempo quando le foto vengono scattate nuovamente a distanza di tempo.